Corisa2, il Sindacato Azzurro estende lo sciopero a Salerno anche ad Ostaglio

Il clima, quindi, resta teso, tra i lavoratori. I vertici del Consorzio hanno sollecitato la Provincia di Salerno ad un incontro chiarificatore, oltre che la Prefettura. Questa mattina, temendo possibili azioni di protesta, imponente schieramento di forze dell’ordine alla sede del Corisa, al centro di Salerno.
Intanto la protesta di allarga anche ad Ostaglio. Dopo Cgil, Cisl e Fiadel anche il sindacato autonomo Azzurro ha bocciato il blocco selvaggio attuato da due giorni a Scavate Case rosse da un gruppo di lavoratori del Consorzio di Bacino Salerno 2 proclamando un nuovo sciopero. Il segretario generale Vincenzo Guidotti ha scritto al Prefetto ed al Questore di Salerno, oltre che al presidente della Provincia Canfora ed ai vertici del Corisa2, chiedendo l’immediata convocazione in Prefettura, oltre che la rimozione dei camion che stanno bloccando le attività agli altri lavoratori. Il Sindacato Azzurro ha anche annunciato che parteciperà alla riunione già prevista per venerdì a Palazzo di Governo con i segretari confederati. Al tempo stesso gli autonomi hanno dichiarato lo sciopero a tempo indeterminato senza preavviso con interessamento immediato anche dell’impianto di Ostaglio. Una novità non da poco che rischia di creare ulteriori disagi e problemi per la raccolta differenziata non solo nei comuni della provincia ma anche nella città di Salerno.
Guidotti ha parlato anche di presunte condizioni di in sicurezza degli automezzi che attenterebbero all’incolumità fisica dei lavoratori di Ostaglio, contestando anche le reiterate ingerenze in materia di rifiuti da parte della Provincia di Salerno nonostante la legge, ha ricordato il segretario regionale, l’abbia esautorata da tale compito. (090915)

Febbraio: 2020
L M M G V S D
« Gen    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
242526272829