Truffa al fisco, 28 indagati e confische per 25 milioni

I finanzieri della compagnia di Castellammare di Stabia hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente di beni sino alla concorrenza di euro 25.113.098,00, emesso dal Gip di Torre Annunziata, nei confronti di 28 indagati ritenuti responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato, al falso ed alla sostituzione di persona. I controlli sono stati eseguiti a Salerno, Scafati, Castellammare di Stabia, Boscotrecase, Torre del Greco, Pompei, Santa Maria la Carità, Valla, Giugliano in Campania, Roma, Pomezia, Napoli, Siena, Milano, Bologna, Parma, Vicenza e Jesi.
L’attività d’indagine, avviata nel settembre del 2015, ha permesso di smascherare un sodalizio criminale i cui promotori, avvalendosi di intermediari abilitati – solitamente risultati meri prestanome – e di procacciatori di soggetti “dichiaranti”, hanno nel tempo inoltrato all’Agenzia delle Entrate almeno 4.459 modelli 730 a nome dei citati contribuenti, relativi alle annualità d’imposta 2013 – 2014 e 2015, all’interno dei quali venivano inserite somme riguardanti spese mediche e crediti maturati del tutto inesistenti, quantificati in circa 52.000.000 euro, senza che le stesse fossero sopportate dalla necessaria documentazione, con il solo intento di far percepire – ai contribuenti titolari di dette dichiarazioni – un profitto di 25.113.098 euro, grazie a rimborsi Irpef in realtà del tutto indebiti.(180418 com)

Settembre: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930