Sospensione De Luca, il tribunale di Napoli rinvia la decisione

Come previsto il tribunale di Napoli ha preso tempo sul caso De Luca. I giudici partenopei si sono riservati la decisione dopo l’udienza di merito sul ricorso contro la sospensione presentata dai legali del Governatore. per ora il Presidente resta in carica. Novità potrebbero esserci già la prossima settimana. (180715)

Ci potrebbe volere qualche giorno prima di conoscere il destino del presidente della Giunta Regionale della Campania De Luca. Il tempo necessario per il deposito della decisione dei giudici della Prima Sezione Civile del Tribunale di Napoli, presieduta da Umberto Antico. ieri si è svolta l’udienza di merito dopo la sospensiva di inizio luglio. Circa sei ore, il tempo necessario ai legali delle diverse parti in causa per esporre le ragioni pro e contro la sospensione degli effetti della legge Severino nei confronti del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. I giudici hanno dichiarato chiusa l’udienza e si sono riservati la decisione, che non dovrebbe tardare (secondo le previsioni il deposito potrebbe avvenire all’inizio della prossima settimana). Antico è lo stesso magistrato che già sospese l’applicazione della Legge ‘Severino’, accogliendo il ricorso del sindaco di Napoli Luigi De Magistris. Il Tribunale, in composizione collegiale (con i giudici Anna Scognamiglio e Raffaele Sdino) dovrà stabilire se confermare, modificare o revocare quanto stabilito il 2 luglio scorso dal giudice monocratico Gabriele Cioffi che, con un provvedimento di urgenza (ex articolo 700) congelò la sospensiva che era stata emanata a carico di De Luca in applicazione della legge Severino avendo il neogovernatore riportato una condanna in primo grado (nel suo precedente incarico di sindaco di Salerno) a un anno per abuso di ufficio. Il decreto di Cioffi (andato nel frattempo in pensione), secondo quanto prevede la procedura di urgenza, fu emesso ”inaudita altera parte” ovvero senza ascoltare le argomentazioni delle parti. Ieri invece si è entrati nel merito, con gli interventi di numerosi legali, che hanno espresso le loro divergenti opinioni sulle varie questioni sul tappeto a cominciare dalla sospensione firmata dal premier Matteo Renzi dopo la proclamazione degli eletti per dare corso alle disposizioni della legge Severino. A difendere le ragioni di De Luca, i legali del governatore, della Regione e del presidente del Consiglio regionale Rosa D’Amelio. Per la revoca del decreto Cioffi, si sono schierati invece il Movimento Cinque Stelle, Sel, il Movimento difesa del Cittadino, e un gruppo di ex consiglieri regionali di centrodestra (il loro legale, avvocato Salvatore Di Pardo, ha chiesto che, in base al principio di uguaglianza, la legge Severino debba essere applicata come lo fu per Berlusconi quando l’ex premier fu dichiarato decaduto dalla carica di senatore). Per la revoca si sono pronunciati, secondo quanto riferito dai legali, anche i rappresentanti dell’Avvocatura dello Stato e il pubblico ministero.

Ottobre 2022
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31