Primi danni dal maltempo nel salernitano. Strade allagate e fango sull’autostrada

La scorsa notte un vero e proprio nubifragio si è abbattuto sul salernitano. Tra le 23 e mezzanotte la pioggia è stata intensissima. Queste immagini sono state girate nella zona nord del capoluogo, sulla strada che porta verso Vietri sul Mare. E’ la zona dove si sono verificati i danni maggiori e dove si sono vissuti anche momenti di paura. In particolare, sulla ex statale 18, tra Vietri sul Mare e Cava dei Tirreni, molti automobilisti sono rimasti bloccati. Nella zona di Molina l’acqua ha invaso molti negozi che si trovano sul piano della strada e numerose abitazioni. Sono intervenuti i Vigili del Fuoco con il nucleo sommozzatori. La strada è stata chiusa al traffico per qualche ora. Sul posto anche gli Assessori alla protezione civile dei Comuni di Vietri sul Mare e Cava dei Tirreni. Sotto accusa la mancata pulizia delle caditoie e dei tombini. Sono caduti in meno di un’ora oltre 80 millimetri di pioggia. Temporaneamente gli automobilisti che da Cava dei Tirreni erano diretti verso Salerno hanno dovuto utilizzare l’autostrada. Poi, nel corso della notte, la ex statale 18 è stata riaperta. Danni ed allagamenti anche a Salerno. I vigili del Fuoco del comando provinciale sono intervenuti in via dei Canali, nel centro storico, per un intonaco pericolante, e per altri allagamenti nella città. Problemi anche a Maiori e nella Valle dell’Irno, in particolare a Baronissi ed a Mercato San Severino. Le precipitazioni continueranno anche in giornata, mentre nel week end la situazione dovrebbe migliorare.

Danni, quindi, anche nella Valle dell’Irno, in particolare nella zona di Baronissi. Mattinata di verifiche e sopralluoghi sull’intero territorio comunale da parte della polizia municipale, del nucleo di protezione civile e della squadra di manutenzione. Lo screening è iniziato alle prime luci dell’alba, a seguito del dilavamento nel quartiere Cariti (nel tratto compreso fra via Saragat, via Dei Greci e via Sandro Pertini) di uno strato di terreno pedemontano arso dal fuoco circa una settimana fa. Anche in questo caso, quindi, i problemi sono dovuti agli incendi dei giorni scorsi. «È stato l’unico punto in cui abbiamo registrato un lieve cedimento – spiega il sindaco di Baronissi, Giovanni Moscatiello – Se non avessimo avuto incendi in questa coda estiva (l’ultimo è di una decina di giorni fa), non sarebbe successo praticamente nulla». La fanghiglia mista a cenere è stata rimossa nel giro di poche ore dagli operai della ditta Napoli, incaricata della manutenzione stradale, e dai volontari della protezione civile. Non si sono registrati disagi, né sono state ricevute altre segnalazioni. La squadre saranno impegnate anche nelle prossime ore per una verifica completa dei principali snodi fognari.

The YouTube ID of …. is invalid.

(060912 Franco Esposito)

Dicembre: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031