Salerno, ordigno al Crescent, forse domani intervento risolutorio

Domani entreranno nel vivo le operazioni del nucleo artificieri del 21° Reggimento Genio Guastatori di Caserta per la bonifica dell’ordigno ritrovato giovedì della scorsa settimana nel cantiere del settore 1 del Crescent, nell’area portuale di Salerno. Una bomba inglese da aereo, risalente alla seconda guerra mondiale, del peso di 500 libbre (circa 250 kg).
Le attività per la bonifica finale sono state divise in due fasi: la prima, domenica 15 luglio prevede la collocazione dell’ordigno all’interno del terrapieno appositamente realizzato secondo le indicazioni degli artificieri (ben visibile nella foto d’apertura). La seconda fase, che avrà luogo domenica 22 luglio, consisterà nel brillamento in sicurezza dell’ordigno. Secondo l’agenzia Ansa, invece, l’ordigno potrebbe essere fatto brillare giá domani.
Domenica un’area compresa nel raggio di 500 metri dal ritrovamento sarà sgomberata dalle 10 alle 18.
La bomba presenta una combinazione piuttosto rara di due spolette. In particolare, oltre al congegno di attivazione di coda a ritardo chimico, è presente anche una spoletta di “naso”, che a causa del dispositivo di attivazione che contiene al suo interno, vincola, in maniera significativa, le operazioni di bonifica.

L’avviso ai cittadini
L’ordinanza del Comune di Salerno
La perimetrazione della zona rossa
(140712) .

Febbraio 2023
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728