Incontro ministeriale sulle fonderie Pisano di Salerno. A chiederlo il M5S

Ancora più trasparenza sulle Fonderie Pisano di Salerno. A chiederla il Movimento 5 Stelle in un comunicato.
A livello nazionale, si ricorda, i parlamentari del M5s, hanno presentato 2 interrogazioni alla Camera con Silvia Giordano ed Angelo Tofalo , effettuate rispettivamente presso il Ministero della Salute e presso il Ministero dell’Ambiente in cui si richiedeva l’intervento urgente dei Ministeri interessati al fine di risolvere la questione. Le interrogazioni non hanno, però, avuto risposta da qui la richiesta urgente d’incontro con i Ministeri della Salute e dell’Ambiente effettuata in seguito ai silenzi delle interrogazioni stesse; l’incontro sarà programmato nelle prossime settimane.
A livello locale, poi, ha ricordato il Movimento, e’ stata effettuata una richiesta d’accesso agli atti della documentazione presente alla Regione Campania riguardante la Autorizzazione Integrata Ambientale di fine luglio 2012 con la quale Le Fonderie Pisano hanno ottenuto legittimità a continuare la loro produzione. Gli atti sono allo studio degli esperti del M5S; particolare attenzione verra’ data ai controlli periodici da effettuare da parte delle Fonderie , i quali vanno inviati , come indicata nell’Autorizzazione stessa, anche alla Regione e al comune di Salerno. Il Movimento Cinque Stelle di Salerno, inoltre, ha ribadito il suo appoggio alle iniziative del Comitato Salute e Vita, tra le cui prossime iniziative ci sono una petizione per sollecitare l’intervento degli organi competenti a dirimere in maniera efficace e in tempi brevi la questione e una fiaccolata di commemorazione delle vittime che si terrà il 25 Gennaio 2014.
Nel comunicato si ricorda anche come a fine Luglio 2012 le Fonderie Pisano abbiano ottenuto l’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) con la quale lo stabilimento industriale ha ottenuto il bene placet a continuare la sua attività . Condizione necessaria per il mantenimento dell’AIA sono il rispetto di precisi parametri ambientali, parametri controllati senza un sistema di monitoraggio in continuo, e l’esecuzione di controlli periodici (mensili e annuali) da effettuare sia parte dalle Fonderie Pisano in autocontrollo sia da parte dell’Arpac.
A seguito del rilascio alle Fonderie il Movimento Cinque Stelle di Salerno ha appreso questa notizia con “soddisfazione in quanto il rilascio di tale titolo va nella direzione della trasparenza e della fiducia tra istituzioni, imprese e cittadini, cosa che da sempre rappresenta un elemento fondante del Nostro Movimento. E sempre nell’ottica della trasparenza e per rafforzare sempre più il rapporto tra istituzioni, imprese e cittadini Il M5S di Salerno chiede alle Fonderie Pisano di effettuare i controlli periodici di sua competenza richiesti dall’AIA in presenza di una rappresentanza dei cittadini e di installare sui 18 punti di emissione un sistema di monitoraggio in continuo dei parametri ambientali in maniera tale da rendere trasparenti secondo per secondo tali valori; All’Arpac di effettuare i controlli periodici di sua competenza in presenza di una rappresentanza dei cittadini”.
Il M5S, infine, ha sottolineato di essere vicino ai dipendenti delle fonderie che in caso di chiusura tout court sarebbero all’improvviso senza lavoro. “Il 5 stelle non vuole fare una scelta tra salute e lavoro, ma auspica che gli enti e le istituzioni coinvolte a vario titolo, da troppo tempo in silenzio, trovino una soluzione ottimale che garantisca la salute dei cittadini e il lavoro dei dipendenti delle Fonderie”. (110114)

novembre: 2019
L M M G V S D
« Ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com