350 immobili, società e terreni sequestrati ad un 70enne di Nocera Inferiore per 130 milioni di euro

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Padova hanno dato esecuzione, nelle province di Padova, Vicenza, Treviso, Belluno, Ferrara, Bologna, Siena, Roma, Napoli, Salerno, Taranto, Matera, Cosenza e Varese, coadiuvati dai militari dei reparti competenti per territorio, ad un decreto di sequestro di urgenza emesso dal Tribunale di Padova, su proposta della Procura Distrettuale Antimafia presso il Tribunale di Venezia, nei confronti di un pregiudicato, nato a Nocera Inferiore (SA) nel 1944, ma residente a Padova. Mediante notifica del provvedimento presso le competenti camere di commercio, conservatorie registri immobiliari, direzioni d’istituti di credito e pubblico registro automobilistico, i militari hanno “congelato” l’intero patrimonio a lui riconducibile, inclusi capitali sociali, conti correnti bancari e postali, nonché i beni mobili ed immobili per un valore complessivo stimato in 130 milioni di €.
In particolare, sono stati sequestrati:
– 350 unità immobiliari;
– 15 terreni;
– 1 fabbricato rurale;
– 52 società per un valore complessivo del capitale sociale di euro 1.450.000;
– 224 rapporti bancari e cassette di sicurezza;
– 18 autocarri;
– 52 autovetture di varie marche e modelli;
– 8 motocicli;
– 1 motoveicolo.
L’ingente sequestro, scaturito dall’applicazione del Decreto Legislativo 159/2011, il c.d. “Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione”, è il frutto di una articolata indagine patrimoniale condotta dai militari del Nucleo Investigativo di Padova, coordinati dal dott. Zorzi, della Procura Distrettuale Antimafia di Venezia. Gli inquirenti, al termine di lunga attività investigativa, hanno ricostruito una filiera di società, tutte facenti capo direttamente o indirettamente al Manzo, tramite le quali gestiva il considerevole patrimonio. Le attività di indagine sono scaturite in relazione alla disponibilità di FM di questa abnorme massa patrimoniale, in netta contrapposizione con le esigue capacità reddituali dell’interessato, pressoché nullatenente per l’Erario.
I dettagliati e puntuali elementi di riscontro raccolti dai militari dell’Arma e vagliati dalla Procura Distrettuale Antimafia di Venezia, hanno consentito al Presidente del Tribunale di Padova, nel dispositivo del decreto di sequestro, di affermare la sussistenza del fumus per l’adozione della misura di prevenzione. Dall’indagine, infatti, emerge una palese sproporzione tra l’entità dei redditi dichiarati dal Manzo -e dai suoi familiari- e la quantità di beni ed enti societari a lui riferibili. Sicuramente non va sottaciuta, hai fini dell’applicazione della misura del sequestro preventivo d’urgenza, la personalità dell’uomo , soggetto che annovera “variegati e significativi precedenti penali e di polizia anche in relazione ad organizzazioni criminali qualificate in ragione delle sue continue e anche fotograficamente documentate frequentazioni”.
Proprio nella combinazione di questi due ultimi requisiti, uno oggettivo e l’altro soggettivo, unitamente alla acclarata capacità di FM di “repentini cambi patrimoniali e di denominazione” dei beni a lui riconducibili, si inserisce l’essenza del provvedimento stesso. Sono altresì in corso di esecuzione 42 decreti di perquisizione domiciliari e personali scaturiti da un procedimento penale connesso, per violazioni di cui art. 12 quinquies legge 356/92 (attribuzione fittizia di beni ed utilità) poiché, al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniale, l’uomo attribuiva fittiziamente la titolarità delle quote sociali delle società, beni mobili ed immobili a terzi, ora coindagati per concorso nel medesimo reato. Sequestrati 40000 € in contanti e svariati effetti bancari in bianco pronti per la spendita.

Maggio 2022
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031